Gli antenati del sommelier

  

  

 

 

 

 

Il Sommelier è quella persona che svolge per professione l'attività di esaminare i vini per accertare che rispondano almeno ai requisiti minimi previsti dalle relative norme di produzione ed alle loro caratteristiche, deve inoltre consigliare la clientela sui giusti abbinamenti con i cibi.

Altro suoi compiti sono, in accordo con il proprietario od il gestore, la selezione dei vini che dovranno figurare nell'apposita lista, e tutti quegli accorgimenti affinché l'invecchiamento e la rotazione dei vini avvenga nel miglior modo possibile.

La sua attività si svolge principalmente in alberghi e ristoranti di un certo rango.

Tutte mansioni delicate ed importantissime. D'altro canto, come possiamo vedere sotto, le stesse mansioni in passato erano affidate a personaggi molto particolari e singolari.

Eccovi un piccolo elenco degli antenati dei Sommelier.

Ebe

Figlia di Giove e di Giunone, era la Dea della eterna giovinezza.

Aveva anche il compito mescere il nettare agli dei, ed era quindi considerata la la coppiera degli Dei. Secondo la leggenda Ebe, mentre stava versando agli dei la celeste bevanda, sarebbe caduta in modo poco conveniente perchè completamente ebbra per il troppo bevuto, e Giove suo padre l'avrebbe dispensata dal delicato ufficio, tanto più che da tempo aveva in animo di sostituirla col bellissimo Ganimede.

Decalogo del Bevitore de Vino (Sic !)


Pagina del Decalogo

Ganimede

Era un bellissimo giovinetto di cui Giove (che evidentemente non disdegnava a giocare su tutte e due le sponde), si invaghì. Cogliendo al volo un incidente avvenuto ad Ebe, lo chiamò in cielo quale coppiere degli dei, sostituendolo ad Ebe che ne aveva prima l'ncarico.


Sputacchiere

Il Cerimoniere

Nell'antica Grecia era un personaggio importante, era la persona che, durante il simposio, fissava le proporzioni di acqua e di vino da mescolare nel cratere (il vino doveva essere mescolato all'acqua, anche perché quello utilizzato dai Greci presentava un'altissima gradazione alcolica). e quante coppe di vino doveva bere ciascun convitato.

Decalogo del Direttore MegaGalattico

Il Bottigliere

Come un moderno Sommelier, aveva il compito di "testare" il vino. Lo versava nella coppa, lo guardava controluce, lo faceva girare, lo annusava e poi ne prendeva un sorso. Ma, a differenza del Sommelier, il suo compito era quello di individuare la presenza di eventuali veleni nel vino, di evitare al suo "dominus" o al suo imperatore di essere avvelenato, come era consuetudine in quei secoli.

Eubolo

Eubolo, poeta ateniese del IV° secolo a.C. scriveva così:
Miscelo tre crateri solo per le persone ragionevoli
Il primo ad essere svuotato è per la salute
Il secondo è per l'amore ed il piacere
Il terzo è per dormire
Il quarto non è più per me, ma per l'eccesso

Indagine salariale semiseria

Vuoi essere aggiornato sulle novitÓ del Sito?

 

"Trovo che l'alcool, assunto in dosi adeguate, provochi tutti i sintomi dell'ubriachezza"
O. Wilde